Il processo di essiccazione

casa del tabacco

 Il processo di essiccazione dalla A alla Z

Il processo di essiccazione delle foglie è una fase fondamentale nella vita di un sigaro. Una volta raccolte, le foglie vengono portate nelle case del tabacco degli agricoltori, las casas de tabaco, e divise in base all’altezza e alla loro destinazione futura. Le foglie vengono cucite a due a due per il gambo e appese su dei pali allineati su grandi strutture a più livelli. Così vengono lasciate asciugare all’aria. Il processo di essiccazione consiste nella graduale perdita di umidità e dura dai 25 ai 30 giorni per le foglie destinate alle fascia, dai 50 ai 60 giorni per quelle di sottofascia e ripieno. Il processo di essiccazione è sottoposto a severi controlli: umidità e temperatura devono restare costanti. Oggi las casas de tabaco sono capannoni in cemento dove il processo di essiccazione viene controllato dalle macchine.

essiccazione

Terminato il processo di essiccazione,  la percentuale d’acqua presente nella foglia, è al di sotto del 10%. Da verdi sono diventate giallo / brune. Il lavoro dell’agricoltore è terminato. Le foglie sono pronte per la prima fermentazione.

essiccazione

PRIMA FERMENTAZIONE

Dopo il processo di essiccazione il lavoro del veguero è finito. Le foglie vengono comprate dall’ente predisposto alla loro gestione, “La empresa de Acopio y Beneficio del Tabaco”, e trasportate in fabbrica per la selezione. Qui le foglie vengono legate in fasci chiamati gavillas e accatastate in pile coperte con teli o con yaguas, cortecce di palma reale. La vicinanza delle foglie e l’umidità contenuta nelle stesse, genera calore. Questi fattori, sommati alla temperatura dell’ambiente, provocano naturalmente la fermentazione. Funghi e batteri entrano in azione. Sono loro che contribuiscono allo sviluppo delle qualità organolettiche del futuro sigaro.

fermentazione

La prima fermentazione è un momento essenziale. La foglia comincia a perdere le impurità, si riduce l’acidità, la nicotina e il catrame. In definitiva costruisce, prepara, affina quello che sarà poi il carattere definitivo del puro. La fermentazione rende la foglia più morbida, di gusto più rotondo, meno spigoloso. In questo processo la temperatura svolge un ruolo fondamentale. Deve essere costante, 37° per le foglie più leggere, 42°per quelle più corpose. Le foglie colte nella parte più alta della pianta, hanno bisogno di un periodo più lungo di fermentazione, perché sono più grosse e ricche di oli naturali.

fermentazione

Dopo la fermentazione le foglie sono più fragili. Devono essere nuovamente umidificate per evitare che si sfaldino. La fase da affrontare dopo il processo di essiccazione e di fermentazione è la selezione: misura, spessore, elasticità, struttura, nervatura, colore. Queste sono le caratteristiche da valutare. Le foglie destinate alla fascia ricevono più attenzioni. Nelle annate migliori si ottengono anche più di cinquanta tipi di classificazione. Qualunque foglia che non rispetti la qualità richiesta è scartata e destinata alla confezione di sigari che non diventeranno Habanos, oppure alla confezione di sigarette.Le foglie che vengono coltivate all’aria e al sole, senza tapados, sono le foglie che sono destinate al ripieno e alla sottofascia (tripa e capote) e si dividono in tre categorie principali: ligero, seco e volado.

Volado: sono le foglie che si raccolgono dalla parte più bassa della pianta, di minor forza. Le migliori e le più grandi di si utilizzano per la sottofascia. Ottima la combustibilità.

Seco: le foglie che si raccolgono dal centro della pianta. Sono le più aromatiche, di forza media.

Ligero: le foglie della parte superiore, più esposte al sole, cariche di oli, più forti. Bruciano male.

Anche in questo caso esiste lo scarto.

Effettuata la selezione, le foglie vengono messe a riposo. Le foglie di fascia esterna, più sottili e delicate, richiedono una sola fermentazione. Quindi sono pronte per essere imballate, chiuse in tercios, pacchi rivestiti di foglie di palma. Vengono trasportate nel magazzino della fabbrica e qui vengono lasciate invecchiare.